Menu Chiudi

Slackware 14.2 è tra noi!

slackwareCon gaudio e somma gioia annunciamo il rilascio di Slackware Linux 14.2 nella data del 2 luglio 2016!

Sono trascorsi circa 2 anni e mezzo dalla precedente release, e circa 5 mesi dall’inizio delle Release Candidate, quindi ormai i tempi erano ampiamente maturi.

Patrick Volkerding, come di consueto, ha dato il lieto annuncio, sia tramite un post sul sito ufficiale che attraverso i suoi profili di social network.

L’attesa di questa versione è stata circondata da una particolare atmosfera, più intensa di quella solita, per via sia dei lunghi tempi che sono trascorsi che dei particolari cambiamenti che sono stati forzati nella tradizione dell’architettura delle distribuzioni Linux in questi ultimi 2 anni.

Era ormai noto da tempo agli appassionati che Slackware ha trovato il modo di resistere all’introduzione di systemd attraverso l’impiego di eudev e ConsoleKit2 – e una certa collaborazione da parte del team di KDE, seppur spesso controvoglia -, ma non c’era ancora una release ufficiale basata su queste soluzioni su cui il “grande pubblico” potesse mettere le mani. Noi utilizzatori della versione -current avevamo già tutto in mano da parecchi mesi.

Veniamo ai dettagli tecnici della release.

  • Il kernel in dotazione è la release 4.4.14. La versione 4.4.x è una Long Term Support release, il che garantisce patch e bugfix per almeno i prossimi 2 anni. Inoltre è presente il kernel 4.6 per chi desidera testare qualcosa di più avanzato.
  • La release di Glibc è la 2.23, ovvero l’ultima disponibile come stabile alla data odierna.
  • Il server grafico X11 è alla versione 1.18.3 (X11R7.7)
  • I compilatori inclusi sono il classico GCC alla versione 5.3, e LLVM/Clang 3.8.0
  • La gestione del networking può avvenire tramite NetworkManager, ma è anche possibile continuare ad utilizzare i tradizionali script rc oppure wicd
  • La gestione delle periferiche avviene, come precedentemente detto, tramite eudev 3.1.5, che estrae il proprio codice da systemd dopo che l’originario udev è stato inglobato in esso dal consorzio FreeDesktop.org.
  • Gli strumenti di sviluppo e linguaggi di programmazione inclusi comprendono Perl 5.22.2, Python 2.7.11, Ruby 2.2.5, Subversion 1.9.4, git-2.9.0, mercurial-3.8.2 e altri.
  • KDE è aggiornato alla versione 4.14.21 (ovvero 4.14.3 con kdelibs-4.14.21), mentre XFCE è alla versione 4.12.1. E’ possibile installare KDE/Plasma 5 dal repository di Eric Hameleers e MATE 1.14 dal repository di Willy Sudiarto.

Un paragrafo a parte merita la novità costituita dall’introduzione di Pulseaudio come framework di accesso alle schede audio. La cosa ha lasciato stupita ed in gran parte infastidita la gran parte degli utenti più affezionati, in quanto costituisce una piccola capitolazione. La Slackware si è tenuta lontana per molti anni da questo software che, a fronte dell’introduzione di feature avanzate nella gestione dell’audio in rete, ha introdotto anche latenze e impurità nella riproduzione musicale che disturbano gli audiofili. La scelta è motivata dalla necessità di continuare a dotare il sistema operativo di una piattaforma audio bluetooth completa, e l’architettura bluetooth BlueZ 5 richiede come requisito obbligatorio la presenza di Pulseaudio. Ma per quelli come me che vogliono continuare a tenersi alla larga da Pulseaudio il più possibile, esiste un documento – a cui ho in larga parte contribuito in prima persona – che mostra come configurare il sistema per continuare ad utilizzare l’audio standard ALSA come primario.

La Slackware continua ad uscire sia in versione 32-bit che 64-bit, ed oltre alla versione ARM introdotta con la 14.1 è adesso presente anche un Live CD. Slackware Live Edition è gestita da Eric Hameleers e basata sulla distribuzione -current. Al contrario di altre distribuzioni “live” basate su Slackware già esistenti (Slax, Porteus), la Slackware Live è del tutto identica alla distribuzione originaria.

ISO e torrent della versione 14.2 sono già scaricabili online, ed è possibile ordinare i CD/DVD ufficiali per contribuire al finanziamento del progetto.

Happy Slackin’ !! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Creative Commons License Website Security Test
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: